Bias cognitivi

bias cognitivi sono schemi sistematici di deviazione dalla norma o dalla razionalità nel giudizio e sono spesso studiati in psicologia ed economia comportamentale. In quest’articolo ho voluto raggruppare i bias cognitivi in modo da averli sempre a portata di mano.

Bias cognitivi

Cosa sono i bias cognitivi?

giudizi (o pregiudizi) che non corrispondono necessariamente alla realtà, sviluppati sulla base dell’interpretazione delle informazioni in possesso, anche se non logicamente o semanticamente connesse tra loro e che portano dunque ad un errore di valutazione o mancanza di oggettività di giudizio

– Wikipedia

Sebbene la realtà della maggior parte di questi pregiudizi sia confermata dalla ricerca riproducibile, ci sono spesso controversie su come classificare questi pregiudizi o su come spiegarli.

Alcuni sono effetti delle regole di elaborazione delle informazioni (es. Scorciatoie mentali), chiamate euristiche , che il cervello usa per produrre decisioni o giudizi. I pregiudizi hanno una varietà di forme e appaiono come pregiudizi cognitivi (“freddi”), come il rumore mentale, o pregiudizi motivazionali (“caldi”), come quando le credenze sono distorte da un pio desiderio. Entrambi gli effetti possono essere presenti contemporaneamente.

Lista dei biases cognitivi

Molti di questi bias cognitivi influenzano la formazione delle convinzioni, le decisioni economiche e commerciali e il comportamento umano in generale.

Nome Descrizione
Ambiguity effect
Effetto ambiguità
La tendenza ad evitare opzioni per le quali non è nota la probabilità di un risultato favorevole.
Anchoring or focalism
Ancoraggio o focalismo
La tendenza a fare troppo affidamento, o “ancoraggio”, su un tratto o informazione quando si prendono decisioni (di solito la prima informazione acquisita sull’argomento).
Anthropocentric thinking
Pensiero antropocentrico
La tendenza a usare analogie umane come base per ragionare su altri fenomeni biologici meno familiari.
Anthropomorphism or personification
Antropomorfismo o personificazione
La tendenza a caratterizzare animali, oggetti e concetti astratti come aventi tratti, emozioni e intenzioni simili all’uomo.
Attentional bias
Distorsione dell’attenzione
La tendenza della percezione a essere influenzata da pensieri ricorrenti.
Attribute substitution
Sostituzione degli attributi
Si verifica quando deve essere emesso un giudizio (di un attributo target) che è complesso dal punto di vista computazionale e viene sostituito invece un attributo euristico più facilmente calcolato. Si pensa che questa sostituzione avvenga nel sistema di giudizio intuitivo automatico, piuttosto che nel sistema riflessivo più autocosciente.
Automation bias
Distorsione dell’automazione
La tendenza a dipendere eccessivamente da sistemi automatizzati che possono portare a informazioni automatizzate errate che prevalgono sulle decisioni corrette.
Availability heuristic
Disponibilità euristica
La tendenza a sopravvalutare la probabilità di eventi con maggiore “disponibilità” nella memoria, che può essere influenzata da quanto recenti sono i ricordi o da quanto possono essere insoliti o emotivamente carichi.
Availability cascade
Disponibilità a cascata
Un processo auto-rafforzante in cui una credenza collettiva ottiene sempre più plausibilità attraverso la sua ripetizione crescente nel discorso pubblico (o “ripeti qualcosa abbastanza a lungo e diventerà realtà”).
Backfire effect
Effetto di ritorno di fiamma
La reazione a prove sconcertanti rafforzando le proprie credenze precedenti. cfr. Effetto influenza continua .
Bandwagon effect
Effetto carrozzone
La tendenza a fare (o credere) le cose perché molte altre persone fanno (o credono) allo stesso modo. Relativo al pensiero di gruppo e al comportamento della mandria.
Base rate fallacy or Base rate neglect
Fallacia della frequenza base o abbandono della tariffa base
La tendenza a ignorare le informazioni generali e concentrarsi sulle informazioni relative solo al caso specifico, anche quando le informazioni generali sono più importanti.
Belief bias
Bias di credenza
Un effetto in cui la valutazione di qualcuno della forza logica di una discussione è influenzata dalla credibilità della conclusione.
Ben Franklin effect
Effetto Ben Franklin
Una persona che ha fatto un favore a qualcuno ha maggiori probabilità di fare un altro favore a quella persona di quanto lo sarebbe se avesse ricevuto un favore da quella persona.
Berkson’s paradox
Il paradosso di Berkson
La tendenza a fraintendere gli esperimenti statistici che implicano probabilità condizionate.
Bias blind spot
Distorsione dal punto cieco
La tendenza a vedersi come meno di parte rispetto alle altre persone o ad essere in grado di identificare più preconcetti cognitivi negli altri rispetto a se stessi.
Choice-supportive bias
Pregiudizi a supporto della scelta
La tendenza a ricordare le proprie scelte meglio di quanto non fossero in realtà.
Clustering illusion
Illusione a grappolo
La tendenza a sopravvalutare l’importanza di piccole esecuzioni, strisce o cluster in grandi campioni di dati casuali (ovvero, vedere schemi fantasma).
Compassion fade
La compassione svanisce
La predisposizione a comportarsi in modo più compassionevole nei confronti di un numero limitato di vittime identificabili rispetto a un gran numero di vittime anonime.
Confirmation bias
Bias di conferma
La tendenza a cercare, interpretare, concentrarsi e ricordare le informazioni in un modo che confermi i propri preconcetti.
Congruence bias
Pregiudizio congruenza
La tendenza a testare le ipotesi esclusivamente attraverso test diretti, invece di testare possibili ipotesi alternative.
Conjunction fallacy
Errore di congiunzione
La tendenza ad assumere che condizioni specifiche siano più probabili di una versione più generale di quelle stesse condizioni. Ad esempio, i soggetti di un esperimento hanno percepito la probabilità che una donna fosse sia un cassiere che una femminista come più probabile della probabilità che lei fosse un cassiere.
Conservatism (belief revision)
Conservatorismo (revisione delle credenze)
La tendenza a rivedere insufficientemente la propria convinzione quando presentata con nuove prove.
Continued influence effect
Effetto influenza continua
La tendenza a credere alla disinformazione precedentemente appresa anche dopo che è stata corretta. La disinformazione può ancora influenzare le inferenze che si generano dopo che si è verificata una correzione. cfr. Effetto di ritorno di fiamma
Contrast effect
Effetto di contrasto
Il miglioramento o la riduzione della percezione di un certo stimolo rispetto a un oggetto contrastante osservato di recente.
Courtesy bias
Pregiudizio di cortesia
La tendenza a dare un’opinione socialmente più corretta della propria vera opinione, in modo da evitare di offendere nessuno.
Curse of knowledge
Maledizione della conoscenza
Quando le persone meglio informate trovano estremamente difficile pensare ai problemi dal punto di vista delle persone meno informate.
Declinism
declinismo
La predisposizione a vedere favorevolmente il passato ( retrospezione rosea ) e il futuro negativamente.
Decoy effect
Effetto esca
Le preferenze per l’opzione A o B cambiano a favore dell’opzione B quando viene presentata l’opzione C, che è completamente dominata dall’opzione B (inferiore sotto tutti gli aspetti) e parzialmente dominata dall’opzione A.
Default effect
Effetto predefinito
Quando viene data una scelta tra diverse opzioni, la tendenza a favorire quella di default.
Denomination effect
Effetto di denominazione
La tendenza a spendere più denaro quando è denominato in piccole quantità (ad esempio, monete) piuttosto che in grandi quantità (ad esempio, banconote).
Disposition effect
Effetto disposizione
La tendenza a vendere un’attività che ha accumulato valore e resistere alla vendita di un’attività che è diminuita di valore.
Distinction bias
Distinzione di distinzione
La tendenza a vedere due opzioni come più diverse quando le si valuta simultaneamente rispetto a quando le si valuta separatamente.
Dread aversion
Avversione del terrore
Proprio come le perdite producono il doppio dell’impatto emotivo dei guadagni, il terrore produce il doppio dell’impatto emotivo del gusto.
Dunning–Kruger effect
Effetto Dunning – Kruger
La tendenza degli individui non qualificati a sopravvalutare le proprie capacità e la tendenza degli esperti a sottovalutare le proprie capacità.
Duration neglect
Trascuratezza della durata
L’abbandono della durata di un episodio nel determinarne il valore.
Empathy gap
Divario di empatia
La tendenza a sottovalutare l’influenza o la forza dei sentimenti, in se stessi o negli altri.
End-of-history illusion
Illusione di fine storia
La convinzione indipendente dall’età che si cambierà meno in futuro di quanto si abbia in passato.
Endowment effect
Effetto di dotazione
La tendenza delle persone a chiedere molto di più di rinunciare a un oggetto di quanto sarebbero disposti a pagare per acquistarlo.
Exaggerated expectation
Aspettativa esagerata
La tendenza ad aspettarsi o prevedere esiti più estremi di quelli che si verificano effettivamente.
Experimenter’s or expectation bias
Orientamento allo sperimentatore o alle aspettative
La tendenza degli sperimentatori a credere, certificare e pubblicare dati che concordano con le loro aspettative per il risultato di un esperimento e non credere, scartare o declassare i corrispondenti coefficienti correttori per i dati che sembrano essere in conflitto con tali aspettative.
Focusing effect
Effetto di messa a fuoco
La tendenza a dare troppa importanza a un aspetto di un evento.
Forer effect or Barnum effect
Effetto Forer o Barnum
L’osservazione che gli individui daranno valutazioni di alta precisione alle descrizioni della loro personalità che presumibilmente sono fatte su misura per loro, ma in realtà sono abbastanza vaghe e generali da applicare a una vasta gamma di persone. Questo effetto può fornire una spiegazione parziale per l’accettazione diffusa di alcune credenze e pratiche, come l’astrologia, la predizione, la grafologia e alcuni tipi di test della personalità.
Form function attribution bias
Distorsione di attribuzione della funzione modulo
Nell’interazione uomo-robot, la tendenza delle persone a commettere errori sistematici quando interagisce con un robot. Le persone possono basare le loro aspettative e percezioni di un robot sul suo aspetto (forma) e attribuire funzioni che non rispecchiano necessariamente le vere funzioni del robot.
Framing effect
Effetto di inquadratura
Trarre conclusioni diverse dalle stesse informazioni, a seconda del modo in cui tali informazioni sono presentate.
Frequency illusion or Baader–Meinhof effect
Illusione di frequenza o effetto Baader – Meinhof
L’illusione in cui una parola, un nome o un’altra cosa che è recentemente arrivata alla propria attenzione improvvisamente sembra apparire con una frequenza improbabile poco dopo (da non confondere con l’ illusione della recency o la distorsione della selezione ). Questa illusione viene talvolta definita fenomeno Baader-Meinhof.
Functional fixedness
Fermo funzionale
Limita una persona all’utilizzo di un oggetto solo nel modo in cui viene usato tradizionalmente.
Gambler’s fallacy
Fallacia del giocatore
La tendenza a pensare che le probabilità future siano alterate da eventi passati, quando in realtà sono invariate. L’errore deriva da un’errata concettualizzazione della legge di grandi numeri. Ad esempio, “Ho lanciato la testa con questa moneta cinque volte consecutive, quindi la possibilità che le code escano sul sesto lancio è molto maggiore delle teste”.
Groupthink
Pensiero di Gruppo
Il fenomeno psicologico che si verifica all’interno di un gruppo di persone in cui il desiderio di armonia o conformità nel gruppo si traduce in un risultato decisionale irrazionale o disfunzionale . I membri del gruppo cercano di minimizzare i conflitti e di raggiungere una decisione di consenso senza una valutazione critica di punti di vista alternativi sopprimendo attivamente i punti di vista dissenzienti e isolandosi dalle influenze esterne.
Hard–easy effect
Effetto difficile e facile
La tendenza a sopravvalutare la propria capacità di svolgere compiti difficili e sottovalutare la propria capacità di svolgere compiti facili
Hindsight bias
Distorsione di senno
A volte chiamato l’effetto “lo sapevo da sempre”, la tendenza a vedere gli eventi passati come prevedibili al momento in cui si sono verificati quegli eventi.
Hostile attribution bias
Distorsione di attribuzione ostile
Il “pregiudizio di attribuzione ostile” è la tendenza a interpretare i comportamenti altrui come aventi intento ostile, anche quando il comportamento è ambiguo o benigno.
Hot-hand fallacy
Fallacia a mano calda
L ‘”errore della mano calda” (noto anche come “fenomeno della mano calda” o “mano calda”) è la convinzione che una persona che ha avuto successo con un evento casuale abbia maggiori probabilità di un ulteriore successo in ulteriori tentativi.
Hyperbolic discounting
Sconti iperbolici
Lo sconto è la tendenza delle persone ad avere una preferenza più forte per i pagamenti più immediati rispetto ai pagamenti successivi. L’attualizzazione iperbolica porta a scelte che sono incoerenti nel tempo: oggi le persone fanno scelte che i loro sé futuri preferirebbero non aver fatto, nonostante usassero lo stesso ragionamento. Conosciuto anche come bias del momento attuale, bias presente e incoerenza dinamica . Un buon esempio di ciò: uno studio ha dimostrato che quando si facevano le scelte alimentari per la prossima settimana, il 74% dei partecipanti ha scelto la frutta, mentre quando la scelta del cibo era per il giorno corrente, il 70% ha scelto il cioccolato.
Identifiable victim effect
Effetto vittima identificabile
La tendenza a rispondere più fortemente a una singola persona identificata a rischio rispetto a un grande gruppo di persone a rischio.
IKEA effect
Effetto IKEA
La tendenza delle persone a attribuire un valore sproporzionatamente elevato agli oggetti che si sono parzialmente assemblati, come i mobili di IKEA , indipendentemente dalla qualità del prodotto finale.
Illicit transference
Trasferimento illegale
Si verifica quando un termine nel senso distributivo (riferendosi a ogni membro di una classe) e collettivo (riferendosi alla classe stessa nel suo insieme) sono trattati come equivalenti. Le due varianti di questo errore sono l’ errore di composizione e l’ errore di divisione .
Illusion of control
Illusione di controllo
La tendenza a sopravvalutare il proprio grado di influenza su altri eventi esterni.
Illusion of validity
Illusione di validità
Credere che i propri giudizi siano accurati, specialmente quando le informazioni disponibili sono coerenti o interdipendenti.
Illusory correlation
Correlazione illusoria
Percepire in modo impreciso una relazione tra due eventi non correlati.
Illusory truth effect
Effetto illusorio di verità
Una tendenza a credere che un’affermazione sia vera se è più facile da elaborare o se è stata dichiarata più volte , indipendentemente dalla sua effettiva veridicità. Questi sono casi specifici di verità .
Impact bias
Distorsione da impatto
La tendenza a sopravvalutare la lunghezza o l’intensità dell’impatto dei futuri stati di sentimento.
Implicit association
Associazione implicita
La velocità con cui le persone possono abbinare le parole dipende da quanto strettamente sono associate.
Information bias
Distorsione delle informazioni
La tendenza a cercare informazioni anche quando non può influenzare l’azione.
Insensitivity to sample size
Insensibilità alle dimensioni del campione
La tendenza a sottovalutare la variazione in piccoli campioni.
Interoceptive bias
Distorsione intercettiva
La tendenza degli input sensoriali sul corpo stesso a influenzare il giudizio personale su circostanze esterne e non correlate. (Come ad esempio, nei giudici di parole che sono più indulgenti se nutriti e riposati.)
Irrational escalation or Escalation of commitment
Escalation irrazionale o escalation dell’impegno
Il fenomeno in cui le persone giustificano un aumento degli investimenti in una decisione, basato sull’investimento cumulativo precedente, nonostante le nuove prove suggeriscano che la decisione era probabilmente sbagliata. Conosciuto anche come fallacia dei costi sommersi.
Law of the instrument
Legge dello strumento
Una dipendenza eccessiva da uno strumento o metodi familiari, ignorando o sottovalutando approcci alternativi. “Se tutto ciò che hai è un martello, tutto sembra un chiodo.”
Less-is-better effect
Effetto “meno è meglio”
La tendenza a preferire un set più piccolo a un set più grande è stata giudicata separatamente, ma non congiuntamente.
Look-elsewhere effect
Effetto altrove
Un’osservazione apparentemente statisticamente significativa può essere sorta per caso a causa delle dimensioni dello spazio dei parametri da cercare.
Loss aversion
Avversione alle perdite
La disutilità di rinunciare a un oggetto è maggiore dell’utilità associata all’acquisizione. (vedi anche effetti di costo affondati ed effetto di dotazione).
Mere exposure effect
Mero effetto di esposizione
La tendenza ad esprimere indebite simpatie per le cose semplicemente a causa della loro familiarità.
Money illusion
Illusione di denaro
La tendenza a concentrarsi sul valore nominale (valore nominale) della moneta piuttosto che sul suo valore in termini di potere d’acquisto.
Moral credential effect
Effetto credenziale morale
Si verifica quando qualcuno che fa qualcosa di buono si dà il permesso di essere meno buono in futuro.
Negativity bias or Negativity effect
Distorsione da negatività o effetto di negatività
Fenomeno psicologico con il quale gli umani hanno un maggiore richiamo di ricordi spiacevoli rispetto a ricordi positivi. (vedi anche distorsione da attore-osservatore, errore si attribuzione di gruppo, effetto positività ed effetto negatività).
Neglect of probability
Trascuratezza
La tendenza a ignorare completamente la probabilità quando si prende una decisione in condizioni di incertezza.
Normalcy bias
Distorsione da Normalcy
Il rifiuto di pianificare o reagire a un disastro che non si è mai verificato prima.
Not invented here
Non inventato qui
Avversione per contattare o utilizzare prodotti, ricerche, standard o conoscenze sviluppate al di fuori di un gruppo. Relativo all’effetto IKEA .
Observer-expectancy effect
Effetto aspettatore-osservatore
Quando un ricercatore si aspetta un dato risultato e quindi manipola inconsciamente un esperimento o interpreta erroneamente i dati al fine di trovarlo (vedi anche effetto soggetto-aspettativa ).
Omission bias
Distorsione da omissione
La tendenza a giudicare le azioni dannose (commissioni) come peggiori, o meno morali, delle inazioni ugualmente dannose (omissioni).
Optimism bias
Distorsione da ottimismo
La tendenza ad essere eccessivamente ottimisti, sottostimando notevolmente la probabilità di esiti indesiderati e sopravvalutando esiti favorevoli e piacevoli (vedere anche pensiero desideroso , effetto di valenza, distorsione di esito positivo ).
Ostrich effect
Effetto struzzo
Ignorando una situazione evidente (negativa).
Outcome bias
Bias di risultato
La tendenza a giudicare una decisione in base al suo esito finale anziché in base alla qualità della decisione nel momento in cui è stata presa.
Overconfidence effect
Effetto di eccessiva sicurezza
Fiducia eccessiva nelle proprie risposte alle domande. Ad esempio, per alcuni tipi di domande, le risposte che la gente giudica “certa al 99%” risultano sbagliate il 40% delle volte.
Pareidolia
Preidolia
Uno stimolo vago e casuale (spesso un’immagine o un suono) viene percepito come significativo, ad esempio vedere immagini di animali o volti nelle nuvole, l’ uomo sulla luna e ascoltare messaggi nascosti inesistenti su dischi riprodotti al contrario .
Pygmalion effect
Effetto pigmalione
Il fenomeno in base al quale le aspettative degli altri su una persona target influenzano le prestazioni della persona target.
Pessimism bias
Distorsione del pessimismo
La tendenza di alcune persone, in particolare quelle che soffrono di depressione , a sopravvalutare la probabilità che accadano cose negative.
Plan continuation bias
Pianificare il bias di continuazione
Non riconoscere che il piano d’azione originale non è più appropriato per una situazione che cambia o per una situazione diversa da quella prevista.
Planning fallacy
Pianificazione fallace
La tendenza a sottovalutare i tempi di completamento delle attività.
Present bias
Distorsione presente
La tendenza delle persone a dare un peso maggiore ai profitti che sono più vicini ai tempi attuali quando si considerano i compromessi tra due momenti futuri.
Pro-innovation bias
Bias pro-innovazione
La tendenza ad avere un eccessivo ottimismo verso un’invenzione o l’utilità dell’innovazione in tutta la società, mentre spesso non riesce a identificarne i limiti e le debolezze.
Projection bias
Distorsione da proiezione
La tendenza a sovrastimare quanto il nostro futuro sceglie di condividere le proprie preferenze, pensieri e valori attuali, portando così a scelte non ottimali.
Pseudocertainty effect
Effetto pseudoc accertato
La tendenza a fare scelte avverse al rischio se il risultato atteso è positivo, ma fare scelte di ricerca del rischio per evitare esiti negativi.
Reactance
Reattanza
L’impulso di fare il contrario di ciò che qualcuno vuole che tu faccia per una necessità di resistere a un tentativo percepito di limitare la tua libertà di scelta (vedi anche Psicologia inversa ).
Reactive devaluation
Svalutazione reattiva
Svalutare proposte solo perché presumibilmente originate da un avversario.
Recency illusion
Illusione di recente
L’illusione che un fenomeno si sia notato solo di recente è di per sé recente. Spesso usato per riferirsi a fenomeni linguistici; l’illusione che una parola o un uso del linguaggio che si è notato solo di recente sia un’innovazione quando in realtà è consolidata (vedi anche illusione di frequenza ).
Regressive bias
Distorsione regressiva
Un certo stato d’animo in cui valori elevati e probabilità elevate sono sopravvalutati mentre valori bassi e probabilità basse sono sottostimati.
Restraint bias
Pregiudizio di contenimento
La tendenza a sopravvalutare la propria capacità di mostrare moderazione di fronte alla tentazione.
Rhyme as reason effect
Rima come effetto della ragione
Le dichiarazioni in rima sono percepite come più veritiere. Un famoso esempio utilizzato nel processo di OJ Simpson con l’uso da parte della difesa della frase “Se i guanti non si adattano, è necessario assolvere”.
Risk compensation / Peltzman effect
Compensazione del rischio / effetto Peltzman
La tendenza ad assumere maggiori rischi quando aumenta la sicurezza percepita.
Salience bias
Pregiudizio di salienza
La tendenza a concentrarsi su elementi più importanti o che colpiscono emotivamente e ignorare quelli che sono irrilevanti, anche se questa differenza è spesso irrilevante per gli standard oggettivi.
Selectionbias
Distorsione di selezione
La tendenza a notare qualcosa di più quando qualcosa ci rende più consapevoli di esso, come quando acquistiamo un’auto, tendiamo a notare macchine simili più spesso di prima. Improvvisamente non sono più comuni: li notiamo solo di più. Chiamato anche bias di selezione osservazionale.
Selective perception
Percezione selettiva
La tendenza delle aspettative a influenzare la percezione.
Semmelweis reflex
Riflesso di Semmelweis
La tendenza a rifiutare nuove prove che contraddicono un paradigma.
Sexual overperception bias / sexual underperception bias
Distorsione da sovra-percezione sessuale / distorsione da sotto – percezione sessuale
La tendenza a sovrastimare / sottovalutare l’interesse sessuale di un’altra persona in se stesso.
Singularity effect
Effetto singolarità
La tendenza a comportarsi in modo più compassionevole nei confronti di un singolo individuo identificabile rispetto a qualsiasi gruppo di persone senza nome.
Social comparison bias
Disturbo del confronto sociale
La tendenza, nel prendere decisioni, a favorire potenziali candidati che non competono con i propri punti di forza.
Social desirability bias
Pregiudizio di desiderabilità sociale
La tendenza a sovrastimare caratteristiche o comportamenti socialmente desiderabili in se stessi e sottostimare caratteristiche o comportamenti socialmente indesiderabili. Vedi anche: § Distorsione di cortesia .
Status quo bias
Distorsione da status quo
La tendenza a preferire che le cose rimangano relativamente le stesse (vedi anche avversione alla perdita , effetto di dotazione e giustificazione del sistema ).
Stereotyping
stereotipi
Aspettarsi che un membro di un gruppo abbia determinate caratteristiche senza avere informazioni reali su quell’individuo.
Subadditivity effect
Effetto di subadditività
La tendenza a giudicare la probabilità dell’insieme di essere inferiore alle probabilità delle parti.
Subjective validation
Convalida soggettiva
Percezione che qualcosa è vero se la credenza di un soggetto richiede che sia vera. Assegna anche connessioni percepite tra coincidenze.
Surrogation
surrogazione
Perdere di vista il costrutto strategico che una misura intende rappresentare e successivamente agire come se la misura fosse il costrutto di interesse.
Survivorship bias
Pregiudizio di sopravvivenza
Concentrarsi sulle persone o sulle cose che “sono sopravvissute” a qualche processo e trascurare inavvertitamente quelle che non lo hanno fatto a causa della loro mancanza di visibilità.
Time-saving bias
Pregiudizio per risparmiare tempo
Sottovalutazioni del tempo che potrebbe essere salvato (o perso) quando si aumenta (o diminuisce) da una velocità relativamente bassa e sopravvalutazioni del tempo che potrebbe essere salvato (o perso) quando si aumenta (o diminuisce) da una velocità relativamente alta.
Third-person effect
Effetto in terza persona
Credere che i messaggi dei media comunicati in massa abbiano un effetto maggiore sugli altri che su se stessi.
Parkinson’s law of triviality
Legge di banalità del Parkinson
La tendenza a dare un peso sproporzionato a questioni banali. Conosciuto anche come bikeshedding, questo pregiudizio spiega perché un’organizzazione può evitare argomenti specializzati o complessi, come la progettazione di un reattore nucleare, e invece concentrarsi su qualcosa di facile da comprendere o gratificante per il partecipante medio, come la progettazione di una bicicletta adiacente capannone.
Unit bias
Distorsione dell’unità
La quantità standard di consumo suggerita (ad esempio, la dimensione della porzione di cibo) è percepita come appropriata e una persona consumerebbe tutto anche se è troppo per questa persona in particolare.
Weber–Fechner law
Legge di Weber-Fechner
Difficoltà nel confrontare piccole differenze in grandi quantità.
Well travelled road effect
Effetto stradale ben viaggiato
Sottovalutazione della durata impiegata per attraversare percorsi spesso percorsi e sovrastima della durata impiegata per attraversare percorsi meno familiari.
Women are wonderful effect
Le donne hanno un effetto meraviglioso
Una tendenza ad associare attributi più positivi alle donne che agli uomini.
Zero-risk bias
Distorsione a rischio zero
Preferenza per ridurre a zero un rischio ridotto rispetto a una riduzione maggiore in un rischio maggiore.
Zero-sum bias
Distorsione di somma zero
Un pregiudizio per cui una situazione viene erroneamente percepita come un gioco a somma zero (cioè, una persona guadagna a spese di un’altra).

Se quest’articolo sui bias cognitivi ti è stato utile non esitare a condividerlo! 🙂

Questo sito usa i cookies per migliorare la tua esperienza utente. Assicuriamo che non corri alcun rischio con essi, ma se vuoi puoi disabilitarli.