Coronavirus, cosa fare per mantenere le relazioni?

Coronavirus

A seguito dei recenti sviluppi sull’epidemia di coronavirus (COVID-19), è opportuno informare i clienti di eventuali cambiamenti. Ad esempio, se sei un ristorante è sicuramente opportuno informare la clientela che il locale resta chiuso al pubblico ma (nel caso lo fai) continua il servizio di consegne a domicilio (delivery).

Attenzione questa guida sicuramente cade a fagiolo con gli ultimi avvenimenti ma vuol essere uno strumento che possa aiutare tutte quelle attività che per improvvisi avvenimenti si ritrovano a dover chiudere al pubblico per un periodo breve, medio o lungo senza poter dare alcun preavviso alla clientela.

Bisogna avere un programma ben delineato per fasi…

Analisi dei competitor e della vostra realtà

Coronavirus
l’analisi della concorrenza è un’attività che in ogni azienda deve essere fatta!

Quali aree aziendali dovete chiudere? Quali possono lavorare in smart working da casa? L’area produttiva resta aperta? I miei competitor cosa stanno facendo? Queste sono le prime domande che dovete porvi per comprendere cosa dire ai clienti, come agire e come arginare le perdite al minimo indispensabile.

Se siete un’attività commerciale sicuramente una cosa da prendere in considerazione è di prendere contatto con le più grandi app di vendita online al fine di aprire la vostra vetrina su di esse e farvi trovare da chi non vi conosce e permettere anche ai vostri clienti abituali di acquistare online e non solo presso il vostro punto vendita.

Hai un e-commerce? O sei iscritto a un sito di vendita online/aggregatore?

Qualunque sia la tua attività, come anticipato, è necessario ormai prendere visione del digitale e digitalizzare la tua azienda. Questo significa che un sito vetrina non è più la base necessaria per vendere online, ma bisogna avere anche un e-commerce con tutto il catalogo prodotti al suo interno (comprese tutte le varianti con relative schede tecniche).

Coronavirus
Online dove puoi essere presente devi esserlo!

Con un e-commerce sicuramente non vendete! Ma se alla creazione dell’e-commerce aggiungete una strategia SEO e di SMM i clienti potranno trovarvi attraverso i social e i motori di ricerca online.

Quando si parla di siti web mi è capitato spesso di sentirmi dire che molte agenzie propongo prezzi al quanto spropositati. Ma se il vostro sito serve per vendere e non solo per rappresentarvi online allora dovete vederlo come un ulteriore punto vendita sempre aperto ma senza i costi di personale, bollette e affitto.

Se prendete la vostra attività, quanto spendete all’anno di affitto, utenze, eventuale manodopera, personale che lo gestisce con relative tasse sul lavoro dipendente?

Sicuramente il totale non si avvicinerà mai al costo una tantum di un sito web e-commerce fatto da zero con una strategia SEO e di SMM per il primo anno!

In fine, se sei un’attività commerciale o del settore food sicuramente devi essere iscritto ad un sito di terzi per la vendita! Perché? Perché così ti fai conoscere da quel bacino di utenza abituato e che si fida di quelle piattaforme (Amazon, Deliveroo, Just Eat, etc.).

Comunicato stampa

Una volta compreso se e quali aree della vostra attività restano aperte, quali canali avete a vostra disposizione o che potete aprire in tempi brevi… dovete stilare un comunicato stampa!

Coronavirus
Se nel comunicato stampa non possiamo usare la creatività, dobbiamo usare strategia.

Di sicuro conoscete la regola delle 5 W, ma per sicurezza vi spiego brevemente cos’è. La regola delle 5 W, metodo originario del giornalismo anglosassone, consiglia di rispondere a 5 domande: Chi? Cosa? Dove? Quando? Perché?

Quindi dovete rispondere a queste domande al fine di spiegare ai clienti se e quali disagi verranno arrecati, il motivo, come intendete intervenire, fino a quando ci saranno tali disagi e quali saranno i termini per evadere gli ordini e lavorazioni in scadenza.

Mi raccomando la comunicazione deve essere in linea con quella usata di solito… se usate termini giovani e semplificativi non potete in un comunicato stampa del genere usare un linguaggio troppo complesso, altrimenti i vostri clienti potrebbero leggerlo come un atteggiamento scorretto da parte vostra.

Quale delle 5 W è più importante per la tua notizia? Inizia da quella. Servono davvero tutte e 5? Se la risposta è “No”, allora usa solo quelle che servono.

In fine se siete un’attività commerciale o food date le eventuali indicazioni per acquisti/ordini on-line indicando i link in cui si possono effettuare.

Canali social e non solo!

Dovete stilare una lista ben dettagliata di tutti i canali a vostra disposizione, come ad esempio:

  • Pagine social (facebook, instagram, etc…)
  • Canali di comunicazione come Newsletter e whatsapp
  • Sito web o blog
  • SMS

Una volta stilata la lista assicuratevi di averne gli accessi (scontato direte, ma per esperienza no! Molti titolari di attività commerciali e food delegano e in situazioni di “emergenza” si ritrovano senza gli accessi ai propri mezzi di comunicazione aziendale).

Invia, condividi e posta!

Ora che avete il vostro comunicato e gli accessi ai vostri canali di comunicazione non vi resta che inviarlo, condividerlo e postarlo ovunque! In questo modo potrete massimizzare le visualizzazioni!

giphy
Mi raccomando no panic! Fai le cose con metodo e tutto porterà i suoi frutti!

Può sembrare una guida banale ma detto tra noi molti dei clienti per cui ho lavorato non hanno pubblicato ancora niente, dando per scontato che le persone sanno dai media. Un comunicato del genere serve anche a rafforzare la fidelizzazione che il cliente a nei vostri confronti, in quanto vi fate percepire come empatici, nella medesima situazione di disagio e state cercando di informarli sui vostri provvedimenti per evadere le richieste/ordini e state dando alternative per acquistare anche in un momento critico del genere.

Conculsioni

Concludendo di sicuro quello che ci ha insegnato il coronavirus durante questa emergenza è che non dobbiamo dare nulla per scontato e che a livello di business se qualcosa noi non siamo abituati a interfacciarci con alcune piattaforme queste non significa che sia la norma!

Bisogna poter essere accessibili in qualunque modo al fine di avere sempre un piano B da proporre ai clienti ed evitare di “restare fermi” per mesi con solo perdite da affrontare!

Spero ti sia stato utile questo mio articolo e se lo è ti invito a condividerlo!

giphy

ajax-loader