AMP storie su WordPress: L’ultimo aggiornamento consente ai publisher di crearle senza skills si HTML, CSS o JavaScript.

Google ha appena portato il supporto di AMP Stories agli editori di WordPress tramite il suo ultimo aggiornamento del plugin AMP .Gli editori che desiderano creare AMP Stories dovranno avere l’ultima versione del plugin Gutenberg installata poiché l’editor Stories si basa su funzionalità non incluse nelle versioni core di WordPress.

Perché dovrebbe importarci

L’attivazione di AMP Stories da creare tramite un plug-in consente ai produttori di contenuti e ai produttori di trarre vantaggio dal suo formato interattivo e visivamente ricco senza le barriere tecniche dell’apprendimento di HTML, CSS e JavaScript.Il plugin AMP WordPress non è una novità, ma il fatto che AMP Stories possa ora essere creato su WordPress lo rende molto più invitante per i professionisti del marketing che hanno già familiarità con il CMS.Inoltre, se stai già utilizzando i ruoli utente di WordPress per gestire i contenuti di più contributori, questi contributori possono anche creare storie AMP per arricchire il loro contenuto.

Come possiamo sfruttarle

Gli editori che utilizzano WordPress 5.0 (o versioni successive) con l’ultima versione dei plugin Gutenberg e AMP sono in grado di:
  • Crea pagine AMP Story trascinando e rilasciando blocchi
  • Aggiungi elementi come testo, video e immagini
  • Animare il testo
  • Imposta il colore di sfondo e l’opacità
  • Designare l’ordine delle pagine di AMP Story
  • Gestisci le storie AMP come parte di WordPress
Gutenberg è un editor di pagine creato da WordPress per semplificare l’aggiunta di contenuti multimediali. È necessario creare storie AMP perché fa uso dell’architettura di gestione Rich Media di Gutenberg.Il video qui sotto mostra l’annuncio ufficiale:

Un esempio di come appaiono le storie su WordPress: