Troppe aziende sanno che dovrebbero fare qualcosa sui social media, ma non capiscono veramente cosa fare. Alcune aziende affidano questo ruolo a figure junior presenti all’interno della propria realtà, anche se non competenti in materia, semplicemente perché sono giovani, quindi dovrebbero sapere tutto sui social (ma non funziona esattamente così, anzi cosi non funziona proprio). Tuttavia, nel 2018 dove siamo ben oltre una strategia social di post e speranze. Tutte le aziende devono creare una strategia di social media marketing e gestire gli account aziendali in modo ponderato e misurato.

Se non curi i tuoi canali, rischi che i tuoi concorrenti conquisteranno anche la tua visibilità sul mercato. Le aziende non possono ignorare i social media. Secondo una recente indagine, il 71% dei consumatori che hanno avuto una buona esperienza social media con un brand probabilmente lo consiglieranno ad altri. Anche se abbracci le meravigliose strategie d’influencer marketing, devi comunque avere delle pagine social. Spesso l’obiettivo di tale strategia è indirizzare i visitatori verso i tuoi canali.  Per questo l’influencer marketing è una parte della strategia di social marketing delle aziende.

Ecco la nostra strategia di marketing sui social media in 8 fasi per le aziende nel 2018:

  1. Stabilire obiettivi di marketing dei social media rilevanti e realistici
  2. Capire il pubblico
  3. Determina le tue metriche più importanti
  4. Indaga su come i tuoi concorrenti si avvicinano ai social media
  5. Creare contenuti adatti da condividere con i propri follower
  6. Coinvolgi il tuo pubblico
  7. Stabilire i tempi migliori per pubblicare e impostare un calendario di contenuti
  8. Tieni traccia dei tuoi risultati e adatta

1. Stabilire obiettivi di marketing dei social media rilevanti e realistici

Uno dei problemi più importanti incontrati da molte aziende che utilizzano i social è il fatto che non hanno mai dedicato il tempo necessario per fissare obiettivi pertinenti e realistici. Sanno che devono essere sui social, ma non hanno idea di quale sia il loro obbiettivo.

Ovviamente, i tuoi obiettivi di marketing sui social media devono adattarsi alla tua pianificazione aziendale.

Idealmente, avrai stabilito obiettivi strategici per il modo in cui vuoi che la tua attività progredisca. I tuoi obiettivi di marketing sui social media dovrebbero integrarsi con essi.

Troppo spesso le persone stabiliscono obiettivi aziendali poco coerenti che non hanno significato se li si esamina. Ricorda, non stai creando obiettivi solo per il gusto di farlo. Li stai costruendo per aiutarti a escogitare la strategia di social media più adatta alla tua attività.

Assicurarti che i tuoi obiettivi siano SMART:

  • Specifici
  • Misurabili
  • Raggiungibili
  • Pertinenti
  • Che abbiano una scadenza

Più i tuoi obiettivi sono SMART, più è probabile che sarai in grado di raggiungerli, e cosa altrettanto importante, sappi che li stai definendo. Anche se vuoi sfidare te stesso, è essenziale fissare obiettivi raggiungibili e realistici.Ti potrebbe piacere avere un milione di follower su Facebook, ma è improbabile che sia raggiungibile entro il prossimo anno per la maggior parte delle aziende, anche per quelle che funzionano eccezionalmente bene. È qui che è prudente porre dei limiti. Non tentare di avere successo su tutti i social network. Ce ne sono troppi rischiando cosi di dispendere il budget a disposizione. Hai solo bisogno di renderti visibile sugli stessi social network in cui il tuo target trascorre il suo tempo.

Alcuni generici obiettivi dei social media che potresti prendere in considerazione  comprendono:

  • Aumentare la consapevolezza del marchio
  • Raggiungere un numero maggiore di vendite stabilito
  • Migliorare il ROI (ritorno d’investimento)
  • Guidare le persone ed aumentare le vendite in negozio
  • Far crescere la tua fan base

2 Capire il pubblico

Non tutti i segmenti di pubblico dei social sono simili. Diversi tipi di persone utilizzano i social media in vari modi. Se hai intenzione di raggiungere i tuoi obiettivi, devi utilizzare gli stessi canali del tuo pubblico di destinazione. Allo stesso modo, se intendi impegnarti in influencer marketing, devi assicurarti di coinvolgere gli influencer il cui pubblico corrisponde al tuo target di riferimento.

Potresti essere un dirigente di mezza età che usa Facebook. Tuttavia, se personalmente non corrisponde al mercato di riferimento della tua attività, non puoi automaticamente presumere che i tuoi clienti trascorreranno il loro tempo su Facebook. Certo, potrebbero esserci stati 2,27 miliardi di utenti attivi mensilmente su Facebook nel terzo trimestre del 2018, ma se scegli come target una fascia di età giovane è molto più probabile che li raggiungerai su Snapchat o Instagram. Tuttavia, se la tua azienda si rivolge a persone di età compresa tra 25 e 34 anni, essi costituiscono il 29,7% degli utenti di Facebook e rappresentano la fascia demografica più comune per quel determinato canale.

Ora ripensa ai tuoi obiettivi di social media marketing che speriamo tu  abbia precedentemente definito. Quali canali social ti aiuterebbero meglio a raggiungere questi obiettivi?

Per avere successo nel fare questo, è necessario avere una solida comprensione della propria fan base. Poniti sempre la domanda:

Come sono i miei clienti e come trascorrono il loro tempo su Internet?


3 Determina le tue metriche più importanti

Troppe aziende creano una presenza social e dedicano tempo e altre risorse all’utilizzo dei propri account, senza mai stabilire se stanno riscontrando un successo o meno.

Migliore è la comprensione dei dati demografici e della psicologia del tuo mercato di riferimento, migliore sarà il raggiungimento di questi sui tuoi canali.

Determina le tue metriche più rilevanti

Sfortunatamente, l’analisi social può essere un’area grigia, perché non è la stessa per ogni azienda. Ancora una volta, le tue metriche social più pertinenti riguarderanno gli obiettivi che ti sei prefissato.

Non essere risucchiato da metriche di vanità facili da misurare, come il numero di follower che qualcuno ha. Acquistare follower su Instagram è una pessima idea. L’esistenza di follower falsi su qualsiasi social network significa che i follower hanno poco valore come parametro.

Idealmente, dovresti esaminare gli obiettivi di marketing che hai impostato sopra e determinare quali metriche ti forniranno la risposta in merito al raggiungimento o meno di tale obiettivo. Ad esempio, se hai un obiettivo che mira ad aumentare la consapevolezza del tuo marchio, Post, Reach è una statistica pertinente. Ti dirà fino a che punto il tuo contenuto si sta diffondendo attraverso i canali social.

Se i tuoi obiettivi sono più basati sulle vendite o se vuoi spingere le persone a intraprendere un’azione specifica, devi prendere nota del numero di Clic. Il Tracciamento dei clic per campagna ti darà una buona indicazione di ciò che spinge le persone ad acquistare o compiere determinate azioni sui tuoi canali.

L’indice d’interesse nei tuoi post ti mostrerà come le persone interagiscono con i tuoi contenuti.


4. Indaga su come i tuoi concorrenti si avvicinano ai social media

La maggior parte delle aziende non opera in modo isolato. Di solito avrai concorrenti che gestiranno anche una strategia social. Avrai sicuramente bisogno di sapere cosa stanno facendo. Qual è il loro obiettivo? A chi stanno mirando? Quali parole chiave stanno cercando di dominare?

Conduci rapidamente un’analisi della concorrenza per aiutarti a capire meglio i loro punti di forza e di debolezza. Questo dovrebbe darti una migliore comprensione di ciò che i potenziali clienti si aspettano dalle aziende del tuo settore.

Individuare le aree social deboli dei concorrenti e sfruttare le lacune. Ad esempio, uno dei tuoi concorrenti potrebbe essere influente su Twitter, ma avere una debole presenza su Facebook, nonostante il tuo target di mercato usi quel canale. In tal caso, potrebbe pagare per mettere più risorse su Facebook, piuttosto che competere testa a testa su Twitter.

Puoi usare uno strumento come Buzzsumo per spiare i tuoi concorrenti e scoprire i loro post di maggior successo. Una volta che sai quali tipi di contenuti sono più efficaci e su quali social network, puoi produrre e condividere materiale simile, ma migliore.

I tipi di contenuti che si comportano bene sui social media potrebbero sorprendervi.


5. Creare contenuti adatti da condividere con i propri follower

Naturalmente, per avere successo sui social media, avrai bisogno di contenuti di alta qualità da condividere. Uno dei maggiori errori commessi dalle aziende è la condivisione di materiale promozionale eccessivo. Ricorda che i social network sono progettati per essere social – non sono mai stati pensati come un mercato in cui vendere i tuoi prodotti.

Pertanto, è necessario bilanciare i contenuti che condividi, per essere un misto di elementi informativi e di intrattenimento, con una piccola percentuale di materiale promozionale aggiunto. Devi anche condividere il contenuto di altre persone.

Questa è probabilmente la ragione più significativa per cui la maggior parte degli influencer acquisisce questo status. Conoscono bene il loro pubblico e creano il contenuto perfetto per interessare i loro follower. Come brand,devi fare lo stesso.

Se in precedenza hai determinato i tuoi obiettivi e hai scoperto cosa funziona (e cosa no) per la tua concorrenza, dovresti avere un’idea ragionevole del tipo di contenuto che interesserà il tuo pubblico di riferimento. Non ha molto senso creare contenuti di altro tipo, che non ti aiuteranno mai a raggiungere i tuoi obiettivi.

Ci sono quattro domande che dovresti porci quando crei un contenuto:

  1. Qual è il numero di caratteri ottimale per canale di social media?
  2. Qual è il numero di hashtag per i messaggi su ciascun canale social?
  3. Dovrei usare emoji nei miei messaggi sui social media?
  4. Qual è il miglior tipo di contenuto per ogni canale?

Non dimenticare l’importanza delle immagini e dei video.

I contenuti visivi hanno una probabilità 40 volte superiore di essere condivisi sui social media rispetto ad altri tipi di contenuti.

Instagram è cresciuta rapidamente di importanza negli ultimi anni e ha un focus visivo significativo.

I migliori marchi su Instagram riportano un tasso di coinvolgimento per follower del 4,21%.

Che è 58 volte superiore a quello di Facebook e 120 volte superiore a quello di Twitter.

Ogni anno, anche i contenuti video sembrano aumentare di popolarità. Secondo YouTube, il consumo di video mobile aumenta del 100% ogni anno. Il 64% dei clienti dichiara di avere più probabilità di acquistare un prodotto online dopo aver guardato un video a riguardo.


6. Coinvolgi il tuo pubblico

Le persone non si limitano a collegarsi ai social network per leggere o guardare i contenuti.

Vanno online per interagire per essere social cioè per interagire con altre persone.

Le aziende di successo non si limitano a trasmettere al proprio pubblico social. Si impegnano a dialogare con loro.

Questo è il motivo per cui non dovresti tentare di coprire tutti i social network se non hai un target molto diversificato e un esercito di personale dedicato a questo compito. Concentrando la tua attenzione sui social network che il tuo target frequenta, puoi utilizzare le tue risorse in modo efficace.

Alcune aziende hanno trovato molto utile creare hashtag personalizzati. Queste non solo possono incoraggiare discussioni e condivisione, ma facilitano anche la ricerca di post che fanno riferimento alla loro attività.

Idealmente, dovresti rispondere a tutte le menzioni della tua attività e dimostrare che la cura del cliente è una priorità per il tuo brand.


7. Stabilire i tempi migliori per pubblicare e impostare un calendario di contenuti

Potresti manualmente condividere tutti i tuoi post, questo è inefficiente e potrebbe non portare a migliorare i tuoi risultati.

La maggior parte dei social network utilizza una forma di algoritmo per filtrare i risultati da far visualizzare alle persone.

Ciò significa che se pubblichi in un momento diverso rispetto a quando il tuo pubblico di destinazione è online, potrebbe non vedere mai il tuo contenuto.

Ti consigliamo di utilizzare uno degli strumenti di pianificazione in modo da poter impostare e organizzare più post contemporaneamente.

Ci sono opinioni divergenti sul numero di post che dovresti fare su ciascun canale ogni giorno e sui tempi migliori per crearli. CoSchedule ha effettuato un’approfondita indagine e ha presentato una statistica con i migliori momenti della giornata per pubblicare sui social media nel 2018.


8. Tieni traccia dei tuoi risultati e adatta

Ovviamente, non importa quanto tu pianifichi i tuoi sforzi  non vi è alcuna garanzia che le cose funzionino come previsto. Se non segui i tuoi risultati, non conoscerai mai il successo delle tue campagne social. Hai iniziato il processo definendo gli obiettivi e quindi hai determinato le metriche più pertinenti. Pertanto, vorrai tenere costantemente d’occhio il modo in cui questi parametri stanno progredendo. Le tue campagne social hanno gli effetti desiderati su questi parametri?

Raccontaci la tua esperienza e se hai bisogno di impostare la strategia della tua azienda.